Ellen Weinstein ellen
Insegnante Plus
Illustrazione

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici

Da Maya Angelou a Frida Kahlo, scopri le abitudini creative, le pratiche e le superstizioni portafortuna di artisti che sono entrati nella storia

Sono affascinata dalle routine e dai rituali degli altri creativi: è un interesse così profondo che ho scritto e illustrato un libro interamente dedicato all’argomento e che si intitola Recipes for Good Luck: The Superstitions, Rituals, And Practices of Extraordinary People. Durante la ricerca del libro, ho scoperto quanto i rituali siano universali attraverso diverse professioni, confini ed epoche.

Che si tratti di disegnare un logo, illustrare un articolo, scrivere un libro, prepararsi ad un’esibizione, o qualsiasi altra impresa, un rituale offre l’opportunità per concentrarsi. Indipendentemente dalla tua ricerca creativa, ecco alcuni suggerimenti e ispirazioni tratti dalla vita di alcune persone straordinarie.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  1
Recipes for Good Luck: The Superstitions, Rituals, And Practices of Extraordinary People, di Ellen Weinstein.

Fare movimento è un ottimo modo per far fluire la creatività ed entrare in uno stato di concentrazione.

Haruki Murakami

L'acclamato autore giapponese Haruki Murakami ha inserito l'esercizio fisico nella sua pratica di scrittura. Si sveglia alle 4 del mattino e va a letto alle 9 di sera. Correre aiuta a calmare la sua mente e lo porta nello stato di ipnosi di cui ha bisogno per scrivere.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  3
Lo scrittore giapponese Haruki Murakami ha inserito l'esercizio fisico nella sua routine di scrittura.

Anna Wintour

La direttrice della rivista Vogue inizia ogni giornata con una vigorosa partita di tennis di un'ora, giocata rigorosamente durante le prime ore del mattino.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  5
La caporedattrice di Vogue, Anna Wintour, gioca a tennis ogni mattina.

Thom Yorke

Il frontman dei Radiohead, Thom Yorke, ha adottato un rituale pre-performance che consiste nello stare a testa in giù, in posizione verticale, per alcuni minuti prima di salire sul palco.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  7
Il frontman dei Radiohead Thom Yorke fa la verticale per alcuni minuti prima di un concerto.

Anche impegnarsi in hobby o altri interessi può aiutare a dar forma alla propria routine quotidiana.

Gabriel Garcia Marquez

Gabriel Garcia Marquez era un giornalista di cronaca prima di diventare uno scrittore: si svegliava ogni giorno prima dell'alba e leggeva i giornali prima di scrivere. Il realismo magico di Marquez affonda le sue radici proprio nella realtà ed alcune delle storie lette fiorirono in romanzi come L'amore ai tempi del colera e Cent'anni di solitudine.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  9
Il romanziere Gabriel Garcia Marquez leggeva i giornali ogni mattina prima di mettersi scrivere.

Frida Kahlo

La pittrice messicana Frida Kahlo si dedicava alla cura delle piante come pratica quotidiana. Curava il giardino della casa che condivideva con l'artista Diego Rivera, conosciuta come Casa Azul. Il giardino era pieno di piante, frutta e fiori, molti dei quali erano di origine messicana, ed era un luogo di conforto e ispirazione per Kahlo.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  11
La pittrice messicana Frida Kahlo faceva giardinaggio per trovare conforto e ispirazione.

Una stanza tutta per sé o un luogo designato per lavorare può assumere molte forme.

Virginia Woolf

La scrittrice Virginia Woolf, autrice di classici come Al faro e La signora Dalloway, è stata una delle prime a lavorare alla scrivania stando in piedi. Come un pittore, preferiva infatti allontanarsi regolarmente dal suo lavoro per avere una visione diversa.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  13
La scrittrice Virginia Woolf è stata una delle prime ad adottare la scrivania in piedi.

Gertrude Stein

L'autrice americana Gertrude Stein, che viveva a Parigi, aveva un posto particolare in cui le piaceva scrivere: nella sua Ford Model T. Mentre la sua compagna, Alice B. Toklas, faceva delle commissioni, la Stein rimaneva in macchina, permettendo all'ambiente delle strade di Parigi di influenzare la sua scrittura.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  15
L'autrice americana Gertrude Stein amava scrivere in macchina.

Maya Angelou

La famosa autrice, poetessa e attivista per i diritti civili Maya Angelou lasciava il suo appartamento alle 6 del mattino e andava a scrivere in una stanza d'albergo spoglia, fino alle 2 del pomeriggio. Gli unici oggetti che portava erano un blocco per gli appunti, un dizionario, un thesaurus, una Bibbia, un mazzo di carte e una bottiglia di sherry, e chiedeva al personale dell'albergo di rimuovere tutto dalle pareti della sua stanza.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  17
L'autrice, poetessa e attivista per i diritti civili Maya Angelou scriveva in una stanza d'albergo spoglia.

Quando ti senti bloccato su un progetto, può essere d’aiuto avere un posto speciale dove andare.

Theodore Seuss Geisel

L'autore e illustratore Theodore Seuss Geisel, meglio conosciuto come Dr. Seuss, aveva un'immensa collezione di ben 300 cappelli. Quando affrontava il blocco dello scrittore, Dr. Seuss andava in questo armadio segreto e sceglieva un cappello da indossare finché non si sentiva nuovamente ispirato.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  19
Dr. Seuss indossava un cappello per superare il blocco dello scrittore.

Un diario o un album di schizzi può aiutare a raccogliere le idee.

Akira Kurosawa

L'acclamato regista Akira Kurosawa si è affidato a parole e immagini per sviluppare il suo stile unico di narrazione visiva. La scrittura è stata essenziale durante tutta la sua carriera: aveva sempre con sé un taccuino sul quale registrava le sue osservazioni e reazioni ai libri. Diceva che leggere i suoi quaderni gli forniva una svolta quando era bloccato nella scrittura di una sceneggiatura.

Segreti del successo: i rituali di 10 creativi iconici  21
Il regista Akira Kurosawa portava un quaderno ovunque per annotare le sue osservazioni.

Perché non creare un rituale tutto tuo? Può trattarsi di un luogo di lavoro, una routine, un appuntamento fisso con l’esercizio fisico o qualcos’altro di tutto tuo! Sperimenta e vedi cosa funziona meglio per te.

Questo articolo è stato scritto e illustrato da Ellen Weinstein (@ellen_1), una premiata illustratrice, autrice e collaboratrice regolare di riviste e quotidiani come New York Times, The Atlantic, The Washington Post e altri. Ha illustrato il libro per bambini "Yayoi Kusama: From Here to Infinity" ed è autrice e illustratrice di "Recipes for Good Luck: The Superstitions, Rituals and Practices of Extraordinary People". Ellen condivide il suo sapere e la sua tecnica di lavoro nel corso online intitolato Collage creativo: raccontare storie su più livelli.

Potrebbe interessarti anche:
- 7 siti web per vendere le tue creazioni artistiche online
- Lavoro freelance: 6 consigli per trovare clienti
- Tecnica del Pomodoro: la chiave per gestire al meglio il tuo tempo

0 commenti

Accedi o registrati per commentare

Ricevi via email le novità di Domestika